grapes-4290308_1280

BRINDIAMO AL BUON VINO LAZIALE!!

LAZIO: LES CLEFS D’OR ROMANE ALLA SCOPERTA DELLE AZIENDE VINICOLE REGIONALI.

 

Probabilmente non esiste un’altra regione vinicola italiana che abbia più potenzialità del Lazio. La regione gode di un territorio unico per la vinificazione grazie al suo clima, ai suoli vulcanici, alla vicinanza del mare per produrre i vini che possono facilmente giocare sulla scena enologica mondiale.

Nella seconda metà del Novecento l’agricoltura industriale laziale si è concentrata sulla produzione di grandi volumi dei vini di qualità inferiore, per questo si sono guadagnati la reputazione dei vini di basso costo serviti nelle trattorie locali. La situazione, però, cominciò a cambiare circa un paio di decenni fa quando la nuova generazione di viticoltori ha cominciato una vera rivoluzione, investendo nella viticoltura biologica e biodinamica. L’implementazione della vinificazione naturale insieme ad alcune tradizioni locali come l’invecchiamento in botti di castagno ha dato vita a dei vini straordinari. Il territorio di Cori è particolarmente notevole, dove i viticoltori come Marco Carpineti producono alcuni dei più apprezzati vini biologici d’Italia quali “Apolide”, il 100% “Nero di Buono”, il tipico uvaggio autoctono di zona coltivato già nei tempi antichi. Dalle uve Nero di Buono nascono i vini intensi, corposi, di color rosso granato, con aroma speziato e note di ciliegia e more. Questi vini sono così buoni che, se foste ad una degustazione alla cieca, sareste sorpresi di constatare quanto questi prodotti laziali siano favolosi! Nel 1985 la famiglia Sartarelli, fondatori dell’azienda vinicola Casale de Giglio, ha voluto fare un esperimento senza precedenti: ha invitato famosi scienziati e ricercatori universitari ad unirsi a loro per un progetto di piantumazione di 60 diverse tipologie di viti sperimentali nei loro terreni. Oggi possiamo apprezzare i loro eccezionali risultati dai vitigni internazionali come Petit Verdot, Temranijo, Sauvignon, Viognier e Petit Manseng. Queste varietà hanno dato vita a diverse etichette da monovitigno e da assemblaggio, sempre dall’ottimo rapporto qualità-prezzo.

Ekaterina Krotova

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code