costa-smeralda-4479204_1280

ART PER: RESILIENZA DEGLI ALBERGHI

TURISMO: COSTA SMERALDA

Prenotazioni: Colonna Resort e Hotels Marriott si attestano su un trend intorno al 40% e per agosto al momento viaggiano su un 50%, con buone notizie i per due gruppi confermati, inizi e fine settembre, sempre in attesa che si aprano le frontiere dei Russi che continuano a tenersi in contatto, per aggiudicarsi eventuali suite non appena sarà dato il via libera ai voli organizzati.

La resilienza degli Hotels in Costa Smeralda è partita, tuttavia non tutti vanno di pari passo. Pur nell’incertezza totale c’è voluta la buona volontà degli imprenditori. Chiudere un Hotel è relativamente facile, ma riaprirlo è di una difficoltà impensabile specialmente quando c’è una pandemia in atto. Dopo Covid-19 tutto il mondo sta vivendo nell’incertezza e con l’ansia. Le frontiere chiuse di Stati Uniti, Russia, Arabia Saudita etc. impediscono l’arrivo degli ospiti soprattutto abituali, il modo del turismo globale paga il prezzo più salato della pandemia, almeno adesso finché la guerra Covid-19 non sarà vinta. Nel Nord est Sardegna dopo un avvio lento, si registra un miglioramento nelle presenze degli alberghi a 4 stelle, specialmente nel mese di agosto. Per le categorie 5 stelle e lusso presente last-minute stanno aumentando in modo esponenziale. Le seconde case hanno fanno da traino, se foste passati un mese fa, per l’aviazione generale, avreste visto il parcheggio del jet privati completo, e mai avreste pensato che esistesse una difficoltà a viaggiare. Infatti si registrano tantissime ville occupate, con personale “sequestrato” in casa, con divieto di incontrare esterni. Le loro attività sono particolarmente private e vanno dal loro arrivo con jet personale, attività di relax in casa, piscina, giro in barca e rientro senza incontri esterni. Poche le cene di gala e incontri d’affari. Gli Hotels di lusso hanno in campo offerte e implementato vari disciplinari per rendere quanto più possibile il distaccamento fisico, l’attività di smart-working in ufficio per booking così da ridurre i rischi di contagio fra colleghi, mascherine, costante igienizzazione degli ambienti, presidio medico in albergo colazioni suggerite in camera o nelle terrazze e balconi privati, Buffet ridotti. Concierge e receptionist si difendono dal contatto con i clienti, con l’uso continuo di mascherine e igienizzazione di mani. In alcuni casi la carenza di personale è evidente ma si è cercato di ridurre i costi. Per questo motivo non è mancata la volontà di mettere in campo un certo know how e l’empatia necessaria che contraddistingue i colleghi concierge. In alcuni hotels barriere di plexiglass, mentre per alcuni è impensabile rinunciare alla stretta di mano o addirittura all’abbraccio veloce per poi correre a lavarsi e igienizzare le mani. Va detto che mai come in questa stagione la possibilità di visitare e godere le spiagge dell’arcipelago è stata così rilassante. Osservare angoli di natura completamente deserte con l’acqua trasparente dai colori così vivi era tanto tempo impossibile, almeno nei mesi di luglio. Prenotazioni: Colonna Resort e Hotels Marriott si attestano su un trend intorno al 40% e per agosto al momento viaggiano su un 50%, con buone notizie (a mio avviso) per due gruppi confermati, inizi e fine settembre, sempre in attesa che si aprano le frontiere dei Russi che continuano a tenersi in contatto, per aggiudicarsi eventuali suite non appena sarà dato il via libera ai voli organizzati. Agenzie di viaggio come TUI registrano un calo mai riscontrato, si organizzano per la prossima bassa stagione di settembre e ottobre. Soltanto dopo aver sbloccato le frontiere sapremo quanto sarà costato economicamente Covid-19 all’industria turistica. Baja Hotels a Baja Sardinia con i suoi due alfieri sul waterfront, registra un buon 50% ma le prenotazioni ad agosto aumentano in modo sensibile. Purtroppo non apre l’Hotel “Le Palme” ed “Il Cormorano” rispettivamente a Liscia di Vacca e nel centro di Baja Sardinia. L’Hotel “I Nuraghi” da quest’anno 5 stelle ha un buon trend di prenotazioni ma paga un po’ la mancanza dello zoccolo duro degli abituali, coloro che hanno salvato la stagione in quasi tutti gli altri hotels. Delphina ha lanciato una campagna promozionale a tutta la pagina nei principali quotidiani che pare dia i suoi frutti. Ha aperto il “Phi Beach” la discoteca trendy della Costa e dove il distanziamento è possibile vista la location. Infine, tutti cambiamenti che ci aiuteranno a sconfiggere il virus sono i benvenuti, anche se è difficile abituarsi alle nuove regole per la certezza del vivere. Bisogna focalizzare la mente sull’obiettivo e tornare ad essere liberi, aspettando con ansia il vaccino o la certezza delle cure. Se vogliamo l’arcobaleno dobbiamo sopportare la pioggia.

Nicola Ena

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code