olbrl-view-4138-hor-wide

L’ASSOCIAZIONE SMERALDA

I racconti e le interviste dei nostri colleghi proseguono e recentemente abbiamo avuto l’onore e il piacere di porgere alcune domande curiose a Massimo Cusseddu, Head Concierge del celebre Hotel Romazzino in Costa Smeralda, nonché Presidente regionale della sezione Sarda. Durante questa piacevole chiacchierata, Massimo ci racconta…

 Massimo, quando è nata l’Associazione Sarda dei Portieri d’Albergo? Dev’essere una delle associazioni regionali più giovani della UIPA, è così?

L’associazione Sarda Portieri d’Albergo fu accolta in seno alla UIPA nel Novembre 2004 in occasione del Congresso Nazionale che si svolse ad Abano Terme. In precedenza eravamo affiliati alla sezione Romana fino a che non fu raggiunto il numero minimo richiesto dallo Statuto per creare una associazione indipendente.Ricordo ancora con emozione quell’evento che ci introdusse ufficialmente nel mondo delle Clefs d’Or, dandoci la possibilità di esserne gli ambasciatori nella nostra splendida isola.

Come vedi proiettata l’Associazione Sarda nel futuro? Pensi che gli istituti alberghieri possano formare ragazzi validi per intraprendere questo mestiere in Sardegna?

La nostra realtà rappresenta un’eccellenza nell’offerta alberghiera del segmento di lusso e, pur essendo la Regione con meno associati, possiamo sempre confidare nel serbatoio sempre fecondo dell’Istituto Alberghiero “Costa Smeralda” di Arzachena, nel quale il sottoscritto e molti altri associati si sono formati. Il programma di Formazione UIPA Academy presentato nella recente Assemblea dei Presidenti e dei delegati a Roma potrà dare un’ulteriore spinta in questo senso. Abbiamo già alcuni aspiranti in procinto di diventare soci effettivi e stiamo lavorando per formare una nuova generazione di Concierge Clefs d’Or.

Una curiosità: un probabile congresso UIPA nella vostra splendida regione pensi che possa essere fattibile oppure no a causa della stagionalità?

Durante la Presidenza di Roberto Marin e grazie allo sforzo di Federico Barbarossa e del Direttivo di allora riuscimmo ad ospitare, non senza difficoltà, un Congresso Nazionale che ancora oggi molti ricordano con piacere. Purtroppo, come hai anticipato tu nella domanda, il carattere prettamente stagionale della nostra destinazione limita non poco la possibilità di organizzare l’evento in maniera adeguata.

Marco Rinaldo

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

code